17 Apr 2018

La Blockchain Technology rispetta l’ambiente

Chi l’ha detto che la Blockchain può essere applicata soltanto al sistema finanziario? Ecco come la tecnologia può contribuire allo sviluppo sostenibile

In una vita frenetica come quella che viviamo nell’era contemporanea, non siamo più abituati a focalizzare l’attenzione o semplicemente a riflettere su tutto ciò che c’è di tangibile nella dimensione reale e con cui ci ritroviamo a stretto contatto quotidianamente.
La tecnologia ha pervaso le nostre vite e app, smartphone, chat, wi-fi sono ormai il nostro pane quotidiano.
Ma fermiamoci un attimo. Pensiamo a qualsiasi prodotto, oggetto, il tablet, lo smartphone, l’orologio, la borsa e insomma tutto ciò che vi viene in mente. Da dove “nasce” la cover del tablet e come è riuscita a corrispondere perfettamente alla forma del dispositivo mobile? Con quale materiale è stato prodotto? Quanto ne è stato utilizzato realmente e quanto invece ne è stato gettato? Quanti rifiuti sono stati riciclati e quanto invece si sono dispersi nell'ambiente?

Questa è una prima fase per cercare di capire quanti passaggi sono necessari affinché un oggetto finisca sulle nostre mani. Ad ogni passaggio corrisponde un numero di attori che si occupano di definire l’oggetto in questione, dalla sua produzione alla sua distribuzione nel mercato nazionale e internazionale.
Ogni fase ha delle regole e degli standard prestabiliti che, nonostante la tecnologia a nostra disposizione possa fungere da “Grande Fratello” ed evitare le varie manomissioni che si susseguono continuamente e di cui veniamo a conoscenza giornalmente su ogni tipo di fronte e su ogni tipo di media, non sempre sono seguiti alla lettera.

Si parla tanto di sviluppo sostenibile ma in realtà i modelli di produzione e di consumo non si rivelano poi così tanto sostenibili, tanto che si parla continuamente di inquinamento, crisi ambientale, risorse naturali in esaurimento e così via.
Nel Rapporto Brundtland del 1987 si legge:

“Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri bisogni"

Questa dovrebbe essere la giusta condotta delle aziende, degli operai, di tutti noi e di coloro che in prima persona contribuiscono a “migliorare” l’ecosistema.
È in questo contesto che entra in gioco la tecnologia Blockchain, il nuovo protocollo di comunicazione che per le sue caratteristiche intrinseche rivoluzionerà il sistema finanziario e non solo.

Blockchain come funziona

La Blockchain è applicata in molteplici settori dai brevetti al copyright, dai contratti alle cripto valute, dalla supply chain alle assicurazioni e continuano le sperimentazioni relative alla scoperta di nuovi ambiti applicativi. Recentemente è stata sperimentata la Blockchain nel sistema degli scarti industriali e dei rifiuti riciclabili, come soluzione per salvaguardare l’ambiente.
In questo settore la Blockchain funzionerebbe come un vero e proprio sistema di verifica che permetterebbe di rilevare qualità, quantità del materiale e provenienza, al fine di tracciare tutto lo storico della filiera facilitando il rapporto tra gli attori coinvolti in termini di affidabilità e sicurezza.

La Blockchain per tracciare gli scarti industriali 

Vediamo più nel dettaglio come potrebbe inserirsi la tecnologia Blockchain e quali vantaggi apporterebbe alle aziende.
Il produttore dello scarto prepara il lotto da commercializzare che viene certificato dall'azienda. La certificazione traccia la provenienza, la composizione, la qualità e la quantità sul registro della Blockchain. Queste informazioni sono accessibili attraverso un QR Code che verrebbe applicato sul materiale in questione prima della spedizione. La validazione del QR Code, da parte del destinatario, sblocca la transizione economica che avverrà attraverso sistemi di pagamento online certificati. Il lotto a questo punto potrà essere unificato con altri lotti, identificati come sicuri in termini di qualità e rispetto per l’ambiente, e riutilizzato per la produzione di nuove materie prime.
La tecnologia Blockchain controlla e certifica l’attività degli attori coinvolti nella filiera garantendo l’identità degli stessi soggetti, la sostenibilità, la tracciabilità, la sicurezza, l’economicità, la lotta all'evasione fiscale e alle frodi nel rispetto per l’ambiente e per la comunità.